La Pasta Madre | Team Building
416
single,single-portfolio_page,postid-416,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.7.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive
 

Team Building

Team Building

Partendo dal presupposto che l’esperienza vissuta “in prima persona” dall’individuo è il principale veicolo di apprendimento, La Pasta Madre propone percorsi formativi dedicati alle aziende ed incentrati sulla cucina e sulla panificazione, in cui i partecipanti sono coinvolti al massimo sia a livello cognitivo che fisico ed emotivo e diventano protagonisti di una esperienza indimenticabile.

 

La cucina diventa un laboratorio per sviluppare ed incrementare l’efficienza del team, facendo sperimentare un’innovativa e particolare esperienza: le dinamiche di gruppo condensate nella preparazione di un singolo piatto o di un intero pasto in una vera cucina completamente attrezzata.

 

I teambuilding sono ideati e condotti me, Antonella Scialdone, unendo la mia pregressa esperienza nella formazione professionale con l’attività di esperta di panificazione con pasta madre ed autrice di libri di cucina, avvalendomi della consulenza di formatori senior esperti per la ricontestualizzazione dell’esperienza vissuta in cucina dai partecipanti.

L’esperienza vissuta “in prima persona” dall’individuo è il principale veicolo di apprendimento
Tutto ciò che potrete fare

 

I DIVERSI FORMAT PROPOSTI

Hell’s Kitchen

I partecipanti suddivisi in squadre si sfidano in una serie di gare a ritmo serrato per vincere ingredienti e strumenti necessari alla preparazione della cena finale sotto l’occhio vigile e attento dello Chef che sarà un giudice molto severo.

Pizzaioli si diventa

Come dei veri pizzaioli, i partecipanti dovranno fare fronte alla richiesta della giuria in qualità di clientela esigente e affamata. Dalla preparazione dell’impasto alla stesura, farcitura e cottura i partecipanti-pizzaioli vivranno un’esperienza unica nel suo genere. Non mancheranno difficoltà e ostacoli proprio come accade in una vera pizzeria!

Bread Cup

La divisione in squadre dei partecipanti, l’assegnazione delle ricette, il fischio e si parte in una competizione creativa all’insegna del pane, dove tutti daranno il meglio di se per vincere la Bread Cup!

Pastry Chef

Montare, assemblare, stuccare, tagliare, scolpire, rivestire …. Non siamo in un cantiere, ma in una pasticceria che vede coinvolti i partecipanti nella creazione di torte a tema. Se ne vedranno delle belle con fruste e sac à poche, siringhe, dosatori e spatole… e non si dica che fare il pasticcere è un gioco da ragazzi!

IL TEAM BUILDING E’ UNA POTENTE METAFORA

 

OBIETTIVI

Cucinare e mangiare insieme, lavorando in un ambiente confortevole, insolito, e intimo come la cucina, fa sì che si sviluppi un clima di condivisione e di complicità, in grado di ammorbidire e smussare le barriere, creando le basi per una conoscenza che va al di là delle classiche situazioni lavorative più formali.

 

Il teambuilding culinario diventa una potente metafora per sviluppare e potenziare il valore e il significato di appartenenza ad un team, favorendo il raggiungimento di obiettivi specifici quali:

  • migliorare il livello di collaborazione
  • favorire la comunicazione
  • stimolare la creatività
  • favorire l’integrazione per il raggiungimento di un obiettivo comune
  • far sentire il gruppo una vera squadra
  • far riflettere sull’importanza di lavorare in contesti relazionali piacevoli e cooperativi
  • associare ad una valenza formativa una valenza ludica: unire il divertimento alla presa di coscienza dei limiti e delle barriere che impediscono al team di agire al massimo dell’efficacia.

 

Gli interventi saranno progettati e realizzati ad hoc sulle esigenze del Committente: con obiettivi specifici e finalizzati allo sviluppo di precise competenze, dinamiche, comportamenti individuati e concordati a priori.

COME FACCIAMO COSA

 

METODOLOGIA

I partecipanti, suddivisi in piccoli gruppi e sotto la supervisione/coordinamento di uno Chef e di un Formatore (per la ricontestualizzazione teorica), saranno coinvolti nelle sfide o nella preparazione di un pasto/piatto a seconda del format scelto.

 

Le attività si concluderanno tutte con l’allestimento della tavola, la cena in comune e il momento di debrief, per favorire la rielaborazione e la razionalizzazione dell’ esperienza, recuperando contenuti e concetti teorici, descrivendone le implicazioni e prospettandone le possibili applicazioni alla reale vita lavorativa.

Il debrief è fondamentale negli interventi formativi esperienziali come processo di ricontestualizzazione delle esperienze vissute, volto a trovare collegamenti e punti comuni con l’attività lavorativa quotidiana, la sua funzione, infatti, è quella di favorire la rielaborazione e la razionalizzazione delle esperienze per contestualizzarle rendendo chiaro ed esplicito il legame tra le attività svolte durante il laboratorio e le tematiche/dinamiche organizzative.

Il momento di debrief, inoltre, è caratterizzato da un elevato livello di coinvolgimento dove i partecipanti verranno interpellati per aggiungere valore alla costruzione di senso e di significato dell’esperienza vissuta.